Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. Elezioni semestrali !
Si voti ogni sei mesi in città! Visto che questo pare essere l’unico modo per spingere l’amministrazione comunale a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Dalla città al Carso. Continua la mattanza degli alberi.
Ieri una lettrice ci ha inviato queste foto scattate durante una passeggiata sul “monte..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 102

Il piccolo giornale. Tale padre (Gedi) tale figlio.

» Inviato da valmaura il 9 October, 2018 alle 12:41 pm

“La differenza” di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano del 9 ottobre 2018 Hanno scritto di un’intercettazione fra Rosario Crocetta che taceva divertito mentre un amico medico auspicava l’assassinio di Lucia Borsellino come quello del padre Paolo, e non era vero. Hanno scritto di troll russi dietro la campagna web contro Mattarella, e non era vero. Hanno scritto che il capitano del Noe Gianpaolo Scafarto, nel caso Consip, era stato “smascherato come impostore e falsario di passaggi politicamente significativi dell’inchiesta”; e aveva “consegnato a Marco Lillo la notizia del coinvolgimento di Del Sette”, insomma era lui “la mano che dà da mangiare al Fatto” per “far cadere Renzi” (fra l’altro già caduto da solo), ma non era vero; e, quando la Cassazione scagionò Scafarto per i suoi “errori involontari”, si scordarono di informarne i lettori. Hanno scritto che Di Maio situava Matera in Puglia anziché in Basilicata, e non era vero. Hanno scritto che l’Italia, se rinunciasse al Tav Torino-Lione, dovrebbe pagare “penali” miliardarie, e non è vero (glielo fece notare l’ex pm Livio Pepino in una lettera, ma non la pubblicarono). Hanno scritto che Marcello Foa, aspirante presidente Rai, è un fabbricante di fake news tant’è che ha scritto un libro per “spiegare come si falsifica l’informazione al servizio dei governi”, ma non è vero (il suo Gli stregoni della notizia, al contrario, smonta le fake news al servizio dei governi). Hanno scritto che c’è la Russia di Putin dietro le fake news filo-M5S&Lega, e non era vero. Hanno scritto che il premier Conte voleva trasferirsi dalla cattedra di Firenze a quella di Roma con un concorso “confezionato su misura”, e non era vero (il bando era standard). Hanno taciuto sulla tesi di dottorato in larghe parti copiata dalla Madia. Hanno nascosto la bocciatura del Jobs Act di Renzi dalla Corte costituzionale (“Lavoro, su Jobs Act e Cig si ritorna al passato”: nessun riferimento nella titolazione alla Consulta e all’incostituzionalità). Hanno nascosto, mentre tutti gli altri giornali ne parlavano, l’inchiesta per la soffiata di Renzi a De Benedetti sul decreto Banche popolari, usata dall’Ingegnere per guadagnare in Borsa 600 mila euro in due minuti, forse perché troppo impegnati a fare decine di titoli su “Spelacchio” (un albero di Natale). Hanno fatto il taglia e cuci dei messaggi di Di Maio alla Raggi per spacciarlo come “bugiardo” e “garante” di Raffaele Marra in Campidoglio, mentre ne sollecitava il trasferimento. Hanno taciuto per giorni il nome dei Benetton, primi azionisti della concessionaria Autostrade (sponsor de La Repubblica delle Idee), dopo il crollo del Ponte Morandi. Hanno scritto che il ponte era crollato anche per il no del M5S alla Gronda, che però fu bloccata da chi governava città e regione (centrosinistra e centrodestra) e per giunta contemplava l’uso del viadotto Morandi. Hanno scritto di probabili legami con la Casaleggio di tal Beatrice Di Maio e delle sue fake news anti-renziane e non si sono mai scusati quando si è scoperto che era la moglie di Brunetta. Hanno accostato le leggi razziali del fascismo al decreto Sicurezza di Salvini. Hanno pubblicato una bozza apocrifa e superata del contratto di governo giallo-verde facendo credere che prevedesse l’uscita dell’Italia dall’euro e scatenando spread e mercati. Hanno nascosto il sequestro di 150 milioni e di due giornali all’amico editore-costruttore catanese Ciancio Sanfilippo. Hanno spacciato lo scandalo Parnasi come una storia di tangenti al M5S, mentre i partiti finanziati dal costruttore sono gli altri (Pd, Lega e FI). Hanno elogiato Monti quando ha ritirato la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2020 e massacrato la Raggi quando ha ritirato la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024. Hanno scritto che le polizze intestate dal dirigente Romeo all’ignara Raggi celavano “tesoretti segreti” per “garantire un serbatoio di voti a destra”, dunque era “vicina” l’“accusa di corruzione”, ma non era vero. Hanno dipinto l’assessora Paola Muraro come infiltrata di Mafia Capitale e della “destraccia” nella giunta capitolina, salvo poi intervistarla dopo le dimissioni come grande esperta di rifiuti. Hanno nascosto l’attacco di Rondolino, che sull’Unità dava del “mafiosetto di quartiere” a Saviano, reo di aver criticato la Boschi, mentre il Fatto restò solo a difenderlo. Hanno minimizzato le epurazioni dalla Rai renziana di Gabanelli, Giannini e Giletti come ordinaria amministrazione. Hanno fatto questo e altro, i giornali del gruppo Gedi (Repubblica-Espresso-Stampa), ma noi siamo solidali con loro per gli attacchi di Di Maio, per tre motivi. 1) Nessun politico deve permettersi di dare pagelle ai giornalisti, tanto più se sta al vertice del governo. 2) Quando il Fatto subiva trattamenti anche peggiori da Renzi e dai suoi killer, non ci giunse alcuna solidarietà, ma noi non siamo come loro. 3) Finché usciamo tutti in edicola, la gente può notare la differenza. Ps.Per la serie “Chiamate la neuro”, segnaliamo i delirii di Carlo Bonini (Repubblica) all’autorevole Radio Cusano Campus: “Il Fatto Quotidiano specifica che non prende alcun finanziamento pubblico? È una furbizia. Siccome i lettori del Fatto sono in buona parte elettori del M5S, è un modo per raffigurare ai lettori del M5S che la terra è tonda e non quadrata, dopodiché la terra è tonda”. Il pover’uomo ignora che il Fatto è nato prima del M5S e la nostra scelta di non ricevere finanziamenti pubblici prescinde dalle intenzioni di voto dei nostri lettori (peraltro note solo a lui). Volendo, Bonini potrebbe raccontarci degli aiuti statali (o a spese degli altri giornalisti) ricevuti dal suo gruppo per contratti di solidarietà, prepensionamenti & affini. E regalarci una delle sue grandi inchieste sui vertici Gedi indagati per una truffa milionaria all’Inps. Immaginiamo che ora fioccheranno le richieste di “blocco” a Facebook, che prontamente accoglierà, di questa nostra Pagina. Rompiamole con un vostro “Mi Piace” a questa Pagina! https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2306961869574768/?type=3&theater


Facebook. Istruzioni per l’uso. Almeno delle nostre pagine.

» Inviato da valmaura il 8 October, 2018 alle 1:49 pm

In una interessante conversazione telefonica con una addetta all’Assistenza di Facebook Italia, che nominalmente ci chiamava dal Portogallo pur parlano con lieve accento lombardo, abbiamo appreso una cosa molto intrigante ed avuto una conferma. Iniziamo da questa ultima. Ovvero che le nostre Pagine (Circolo Miani, NO Ferriera SI Trieste e La Tua Trieste Comitati di Quartiere) sono sottoposte ad un “blocco” da parte del per niente “Social” di Zuckerberg. Il magnate americano anticonformista e “liberal” spinto, tanto spinto da aver collaborato in maniera determinante alla vittoria di Trump con le pubblicità russe, ma strapagate in dollari, su Facebook per distruggere la democratica “liberal” Clinton e far vincere di stretta misura la Brexit. La motivazione, ecco la cosa intrigante, che tale “blocco” è dovuto al fatto che Facebook ha ricevuto, e quello cha sa di incredibile è che ne hanno tenuto conto, alcune segnalazioni da parte di realtà “scontente” e seccate per i contenuti dei nostri articoli. Badate bene non perché usavamo linguaggi scurrili, volgari o ingiuriosi, o perché scrivevamo il falso (per questo c’è poi la querela per diffamazione). No, perché semplicemente non gradivano i nostri pensieri, le nostre cronache, la libertà della nostra informazione. E questi democratici e “liberal” hanno ottenuto un blocco alla pubblicizzazione dei nostri articoli e Post, riducendone di due terzi la diffusione “organica”, cioè quella normale, e perfino quella promozionale, ovvero a pagamento. Tutto questo innanzitutto per farvi capire cosa sia Facebook. Pubblica senza fiatare e colpo ferire milionate di scemenze e volgarità di ogni tipo, “fake news” a gogò, ogni giorno. Ma esegue pedissequamente le censure richieste e sollecitate da alcuni sporcaccioni cerebrali contro di noi, e non solo. Dunque passiamo alle istruzioni, ovvero ai suggerimenti che diamo ai nostri lettori per aggirare questa censura. Prima cosa: è di fondamentale importanza accettare i nostri ripetuti inviti a mettere il “Mi Piace” alle nostre Pagine, e non solo ai singoli articoli. Meglio se, oltre a fare ciò, pigiate pure sul tasto “segui” in apertura della Pagina. Seconda cosa: utilissimo è lo strumento della “condivisione” dei vari articoli invitando contemporaneamente i vostri amici a fare altrettanto (mettere il loro “Mi Piace” alle nostre Pagine e avanti così). Un modo perfetto per aggirare il “blocco”. Terza ed ultima cosa: vincere la consueta pigrizia ed anche se non avete ricevuto la consueta notizia da parte di Facebook (il “blocco” sulle persone “raggiunte”) sulla vostra pagina, cliccare su di una delle nostre (principalmente Circolo Miani e NO Ferriera) per guardarvi le novità. Tenete presente che noi aggiorniamo quotidianamente con nuovi articoli e notizie, con foto ed anche video le nostre pagine. Ultimissima cosa: ogni giorno ricordatevi di sputacchiare e maledire le persone che voi sapete. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2306401539630801/?type=3&theater


A Trieste, dove impera “la legge del Menga”.

» Inviato da valmaura il 6 October, 2018 alle 10:29 am

E per stessa scelta dei triestini, per adesione entusiasticamente volontaria: oseremmo dire. Prendiamo ad esempio i 17.000 (diciasettemila!) soci risparmiatori delle fallite COOP. Perderanno alla fine, e se gli va tanto ma tanto bene, un terzo abbondante dei sudati risparmi parcheggiati sui libretti in custodia della similbanca delle Coop di via Gallina. Tra capitale versato ed interessi maturati. Potevano stravincere la loro battaglia di giustizia se solo si fossero minimamente organizzati ed avessero gettato sul piatto della bilancia il loro enorme peso potenziale nelle recenti campagne elettorali amministrative (Comune 2016 e Regionali 2018). E si che in questo Paese la gente oramai, scordati gli ideali, si muove solo per ragioni di portafoglio: ma neanche questo è servito a Trieste. La lista civica NO Ferriera Si Trieste, e prima ancora il Circolo Miani e Maurizio Fogar che per primi ed in piena solitudine avevano sollevato e denunciato la situazione, e candidato alcuni dei truffati Coop? Pressochè ignorati dai 17.000 che ancora si ostinavano invece a pietire promesse presso i politici responsabili della loro sventura. Oggi non li considera più nessuno: della serie “bechi e bastonai”. Altro esempio le migliaia di famiglie triestine che aspettano da mesi e mesi di ricevere i sussidi regional-comunali antipovertà. Si muovono, quando lo fanno, al massimo a mezzo di improperi lanciati sui “social”, ma quando si tratta di scendere in piazza, che tempo, purtroppo, ne hanno, si ritrovano in venti persone venti, ad essere generosi. E non basta, si fanno accompagnare e rappresentare da consiglieri di quel centrodestra che, come tardivamente ammetterà lo stesso responsabile politico dello sfascio: l’assessore della Lista Dipiazza, Carlo Grilli, sono i principali colpevoli del loro dramma. E le opposizioni? Si insomma quel simulacro di partito del PD e l’ectoplasma targato Cinque Stelle? Non pervenuti, nonostante tutte le prefiche sull’ascoltare con “umiltà” il territorio, o “ricominciare dalle periferie” che per trovarle devono usare il “Tom Tom” anche se ci abitano. Non tocchiamo poi il degrado dei quartieri lasciati in completo abbandono da decenni o la storia-beffa dei “Piazzali Rosmini” inquinati e inibiti da oltre tre estati. Per non parlare della sanità, ospedaliera e territoriale allo sfascio: a partire dai “Lenti Soccorsi” e dai tempi d’attesa per visite e analisi specialistiche (un intervento alla Cataratta: 13 mesi di attesa e orbità). Al massimo il triestino domacio osa scrivere una “segnalazione” al giornalino oppure un SMS alla televisione condominiale. Trieste. Dove domina la legge del Menga. Ma la colpa è sempre dell’Italia, di Cecco Beppe o del Marchese del Grillo. Mai della pavidità, pigrizia, e mancanza di dignità dei triestini. "Mai visti così tanti mone concentrai in così poco spazio". Nereo Rocco. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2304746716462950/?type=3&theater


Immediate dimissioni!

» Inviato da valmaura il 5 October, 2018 alle 10:01 am

“Addetti comunali a scuola di autodifesa” «Dover ricorrere a questi strumenti è una sconfitta, ammette l'assessore ai Servizi Sociali, Carlo Grilli. Significa che, a causa di scelte sbagliate fatte dalla politica, è venuto meno il rapporto di fiducia tra i Servizi Sociali e gli utenti». Secondo l'assessore, che sottolinea come i corsi di autodifesa siano iniziative di prevenzione, «il sistema delle politiche sociali è stato disintegrato, nella sua essenza, e dover ricorrere a strumenti per fare sentire più sicuri i dipendenti dimostra come esistano due parti lese: l’utente esasperato, da un lato, e il dipendente intimorito dall’altro». Bene, anzi male. E visto che l’assessore comunale Grilli ha l’onestà intellettuale di condividere quanto da noi ripetutamente scritto, e da quasi un anno, su queste pagine, tragga le logiche e dovute conseguenze. Ovvero rassegni le sue irrevocabili dimissioni quale responsabile politico di questo sfascio. Altrimenti saremmo di fronte all’ennesimo caso di dissociazione tra una analisi corretta e l’assenza della sua naturale quanto dovuta conclusione. E figurarsi ora che si sta profilando l’iter per il riconoscimento a migliaia di famiglie del nuovo “reddito di cittadinanza”. Ma non è solo l’assessore Grilli che deve lasciare. Responsabili quanto e come lui sono i vertici amministrativi del suo assessorato, a partire dalla direttrice De Candido a scendere. Non devono rimanere un minuto di più in quegli uffici. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2304108583193430/?type=3&theater


Riace e Trieste. E la FERRIERA. Sindaci e giustizia a corrente alternata.

» Inviato da valmaura il 4 October, 2018 alle 9:40 am

Ieri il Sindaco di Riace viene arrestato per un uso “disinvolto” delle norme di legge sull’immigrazione, per favorire accoglienza ed integrazione. A Trieste il Sindaco Dipiazza dichiara disinvoltamente alla stampa, e per la seconda volta, di non aver applicato le norme di legge sulla tutela ambientale, ovvero la presentazione di un Piano d’Azione Comunale corretto e completo nella zonizzazione (inquinamento acustico da fonte industriale), di cui per altro il Comune di Trieste è inadempiente da anni, per “non favorire”, a suo dire, la Ferriera. Due pesi e due misure dunque nel far rispettare le leggi dello Stato da parte di chi ne ha l’incombenza. Oltretutto si palesa, evidente e grande come una casa, un’altra ipotesi di reato, quello di omissione di atti d’ufficio, stavolta nei confronti della Regione che per legge, non per piacere nà discrezione, ha l’obbligo, ripetiamo l’obbligo, di esercitare il dovere di surroga nei confronti del Comune (Polli e Dipiazza), sostituendosi a questo con un commissario ad acta per far rispettare la legge ed emanare un vero PAC sull’inquinamento acustico. Ma non basta. Il Comune annuncia l’utilizzo dei famosi quanto misteriosi legali veneti, pagati ben 51.000 euro nostri per produrre, entro il 31 maggio, scaduto da quattro mesi abbondanti nel più totale silenzio dei Riccardo Cuor di Leone che siedono sui banchi delle opposizioni a Palazzo Cheba, un parere ed una indicazione per una azione, legale, contro la Regione e la Ferriera, per “resistere” ora al TAR contro il ricorso della proprietà Ferriera. Il nuovo costo per Trieste? Schei, palanche od euro fa lo stesso. Poi ciclicamente ricompare il Cinque Stelle Ussai con l’ennesima (ne produce in media quattro all’anno e servono soprattutto per ricavarne delle comparsate su stampa e Tivù) inane interrogazione in Consiglio regionale. Sono gli stessi esponenti dei Cinque Stelle, il secondo era Paolo Menis, che un anno fa non si degnarono nemmeno di rispondere all’invito fatto loro dal Circolo Miani e Servola Respira di incontrarsi (Serracchiani e Grim invece risposero) per essere informati sulle reali condizioni degli impianti e del ciclo produttivo della Ferriera. Ed i risultati li apprezzano oggi. E non risponde nemmeno il capogruppo, deve essere una costante dei cinque stelle triestini, al Senato, Stefano Patuanelli, alle tre richieste pubbliche rivoltegli dal Circolo Miani di intervenire sul Ministro all’Ambiente Costa, in quota governativa pentastellata, per fare ispezioni tecniche senza preavviso su taratura e funzionamento delle apparecchiature di misurazione installate nelle centraline ARPA di Trieste. Qui non servono vuote parole e teorie “universitarie” bisogna conoscere, lo abbiamo scritto e detto inutilmente centinaia di volte a tutti gli interessati, buon ultimo a Scoccimarro, la realtà degli impianti ed il ciclo produttivo della Ferriera, per ottenere quegli aggiustamenti che almeno riducano impatto e disagio. Cosa puntualmente avvenuta ed in corso d’opera da quando ha avuto inizio la collaborazione tra Servola Respira, Circolo Miani e la direzione della Ferriera. Stranamente tenuta nascosta e ben occultata ai triestini da tutti (piccolo giornale, TeleCamberquattro, Rai Regionale) i cosiddetti “organi d’informazione” locali. Tutto il resto sono chiacchiere stantie e trappole per gonzi che invece sulla stampa trovano pronta quanto ampia ospitalità. Un vero e proprio inganno perpetrato a danno della nostra comunità. L’imbarazzo poi di Scoccimarro e Fedriga? Bisogna capirli poverini sono impegnati a sparecchiare in tutta fretta i quattro o cinque tavoli annunciati solo un mese fa. Stavolta i consulenti Boscolo e Barbieri (a proposito siamo curiosi di conoscere l’esito del suo “lavoro” giunto al decimo mese su 12, pagato sempre da noi 34.000 euro per il Comune), che l’efficacia del primo l’abbiamo già verificata sul “campo”, la tanto elogiata e blindata ARPA e le cinque sigle di comodo buone per tutte le stagioni dovranno digiunare. Mentre tirano la cinghia e combattono l’inedia consigliamo loro la lettura di due libri. Si lo sappiamo che è psicoanalisi, ma male non fanno: “Avere o essere” di Erich Fromm ed “Essere o apparire” di Enrico Girmenia Prosit!



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 24 October, 2020 - 10:27 pm - Visitatori Totali Nr.