Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

L’irresponsabilità.
Chi ha scelto e voluto aprire una incomprensibile crisi di governo, privilegiando, come..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Qui ci vuole Trieste Verde!
Villa Cosulich e scuola De Amicis. ..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 10

AperiTrieste. Ambientalismo salottiero.

» Inviato da valmaura il 1 December, 2020 alle 11:51 am

Come previsto man mano che si avvicinano le elezioni sorgono a iosa forze e forzine che si definiscono, “ambientaliste, ecologiste e green”. Lo fanno ovviamente da tavole rotonde, forum telematici, veline pubblicate da stampa e televisioni che sono la negazione vivente di tutto quanto riguardi la concreta tutela del nostro territorio.
Mai visti ad operare sulle emergenze con la gente e per la comunità a partire dalla lunga e tormentata vicenda Ferriera a finire oggi contro la mattanza degli alberi od il Far West di antenne e ripetitori, per non parlare della richiesta di moratoria sul 5G, dove non hanno spiccicato nemmeno quelle parole che a loro riescono facili.
Trieste Verde non promuove salotti letterari ma da sempre si batte con i fatti per salvare la nostra qualità della vita e tutelare la nostra salute. Ma anche per garantire un futuro fatto di lavoro dignitoso e sicuro, sconfiggendo la povertà e salvando i nostri quartieri dal degrado più completo. Dal progetto di Porto Green ad un impegno pluriennale contro la malasanità.
Noi non facciamo promesse, non barattiamo la nostra vita con inciuci con i politicanti, non ci facciamo scattare foto con i responsabili di questo disastro, non chiediamo, supplichiamo spazietti su questa stampa e queste televisioni che altro non sono che la voce dei padroni.
Per questo state tranquilli e sicuri questi giornalai del potere e degli affari non parleranno mai di noi, non vi daranno notizia alcuna sulle nostre iniziative, come non hanno mai informato in questi venti trascorsi anni l’opinione pubblica triestina: loro la chiamano etica e professionalità del giornalismo, noi la definiamo più semplicemente censura e servilismo.
Per noi parlano quello che abbiamo finora fatto, non le promesse o gli ammiccamenti un tanto al chilo.
Noi siamo distinti e distanti da questo marciume soprattutto se si ammanta di ecologismo per raggranellare qualche voto gabbando i cittadini.
Poi in ultima analisi spetta agli elettori decidere il che fare della propria vita.
Ai nostri non pochi lettori rinnoviamo l’invito a diffondere e condividere le informazioni che diamo attraverso questa Pagina, ad aiutarci nella difesa dei vostri interessi, che sono poi i nostri, coinvolgendo sempre più persone nella lettura e nel confronto. Per farlo basta mettere il “Mi Piace” a questa Pagina ed invitare i vostri amici a fare altrettanto. Sempre che riteniate giusto e meritevole il nostro impegno, altrimenti accomodatevi per un aperitivo al bar giusto dove troverete sempre qualche “ambientalista” a parlarvi dell’emergenza clima, tra un calice ed un caffè.
Teodor.



Zeno D'Agostino. Un inquietante silenzio.

» Inviato da valmaura il 30 November, 2020 alle 1:17 pm

Mentre si stanno verificando preoccupanti episodi che direttamente o indirettamente lo riguardano, il Presidente dell'Autorità portuale ha interrotto le comunicazioni e da un mese regna un silenzio assai poco rassicurante.
Parliamo di episodi che urgono invece risposte e soprattutto tempi certi.
Sarà che è assorbito da inaugurazioni o presentazioni infelici, dal taglio collettivo del nastro ad uno scatolone congressuale il cui futuro, soprattutto finanziario, ed operativo appare ogni giorno che passa sempre più incerto. Alla ennesima presentazione in pompa minima, che perfino Fedriga ha pensato bene di non farsi vedere, dell'esausto Parco del Mare.
Ma parlare di elettrificazione delle banchine, cosa su cui tutti a parole per l'appunto sono d'accordo, senza fissare un cronoprogramma operativo, con fatti concreti e tempi certi, mentre tre navi da crociera illuminate come un albero di Natale ormeggiate da mesi e per mesi ancora all'Arsenale eruttano dai fumaioli 24 ore su 24 un fumo grigio-nero spargendo inquinanti, a partire dallo zolfo notorio balsamo per l'organismo umano, sui quartieri limitrofi non va proprio nella direzione giusta.
Così come quello che sta accadendo, e temiamo peggiorerà esponenzialmente tra breve nell'area Ferriera, nulla di buono lascia presagire.
Lo avvertiamo, abbiamo promosso come Circolo Miani e Comitati di Quartiere, quelli veri non quelli ammanigliati alla peggiore politica, ventidue anni di manifestazioni e cortei a difesa della salute e della qualità della vita di triestini e muggesani, ci costa nulla organizzarne di nuovi per prevenire una seconda tragedia.
Si tratta solo di cambiare “location”, ovvero trovarci in via Von Bruck che tra l'altro conosciamo bene per averci organizzato manifestazioni contro l'infausta apertura della Sertubi nell'ottobre 2000.
Avevamo ragione allora e ne abbiamo da vendere oggi.
Si vede che Lui preferisce così, basta saperlo.



Un presente sostenibile.

» Inviato da valmaura il 29 November, 2020 alle 2:13 pm

Vediamo che a Trieste c’è la fregola dei politici od aspiranti tali a spararle grosse sul “futuro sostenibile” per la nostra città e Regione. L’avvicinarsi del voto amministrativo è per loro come un peperoncino messicano conficcato nelle terga, e ciò vale per i “vecchi” quanto per gli aspiranti “nuovi”. La palestra d’ardimento dove cimentarsi è quella amica e servile di stampa e televisioni al soldo di politici ed affaristi.
Noi che sul territorio operiamo da quaranta anni abbiamo invece altre priorità, in primis quella di riuscire a far “passare la nuttata” a chi oggi, più di prima, non sa dove sbattere la testa per garantire una sopravvivenza a se ed ai propri cari.
Non abbiamo inventato nulla che i romani già non sapessero: “primum vivere deinde philosophari”, e niente di più di quanto le persone normali non ci dicano giornalmente sul territorio, nei quartieri.
Il problema è che noi tra la gente e per la nostra comunità operiamo da quattro decenni, questi forse da quattro giorni.
Pertanto vedere sputtanare il denaro pubblico per iniziative nate superate e morte come il Parco del Mar Morto, l’Ovovia, o luminarie invisibili ai più, e sullo stesso nuovo centro congressi ancora incompleto molto ci sarebbe da dire, lo riteniamo di questi tempi criminale. E scusate se la parola può sembrare fortina ma è l’unica che riteniamo adeguata alla bisogna.
Così come questi “gamberi” della politica attuale che prima promuovono le manifestazioni contro le misure governative e poi reclamano maggior durezza e si scambiano accuse tra loro ricorda molto la vicenda del Bue che dà del cornuto all’Asino. Uno spettacolo stomachevole sulla pelle dei cittadini.
In questi tempi la marxiana lotta di classe ha cambiato i protagonisti: oggi si combatte tra i “garantiti” ed i “non garantiti” di un sistema dove fino a ieri i camerieri denunciavano al fisco un reddito superiore ai loro datori di lavoro, e l’elenco categoriale sarebbe infinito.
Dunque un’occhiata più attenta ai “ristori” è un atto dovuto, senza scomodare il “rischio d’impresa” che per tutti questi imprenditori, minuscoli o maiuscoli, passa in dimenticatoio quando si tratta di mungere la vacca statale.
Ma nulla cambierà, esattamente come è avvenuto in questi decenni che le sigle contano come una parte in commedia, se non ci libereremo di questa classe dirigente, politica e non.
Forse Trieste Verde può essere la leva per questo rinnovamento, ma come sempre dipende dai cittadini.
Cittadini non sudditi, o boccaloni: per intenderci.
Teodor.



Ferriera, terra di nessuno?

» Inviato da valmaura il 28 November, 2020 alle 1:48 pm

Vero è che l’ex area a caldo ora ha due padroni, l’uscente: Acciaierie Arvedi, e l’entrante: il Gruppo Petrucco, ma questo non può giustificare in alcun modo quello che sta accadendo.
Ieri, dopo le ore 12 dense volate di polveri rossastre, dunque minerali, hanno lambito Servola bassa e Valmaura. Diversi cittadini, anche da Muggia dove la scena si vedeva in tutta la pienezza, ci hanno telefonato. Ora passi per i forti rumori, che si prolungano per tutta la giornata, degli abbattimenti ma questo proprio no!
Queste polveri sono cariche di diossine e pregne di idrocarburi e Dio solo sa di quante altre schifezze, e della sorveglianza che Scoccimarro con il suo assessorato regionale per la “difesa dell’ambiente”, quanta ironia in questo nome, e soprattutto l’Arpa FVG, che sempre dallo stesso assessorato dipende, avevano giurato e spergiurato su stampa e televisioni non c’è ombra alcuna.
Conoscendo l’efficacia e la credibilità di costoro ce lo aspettavamo, meno invece che il vecchio e nuovo proprietario si comportassero in siffatto modo: sembra un colpo di coda, una misera vendetta, ma sappiano bene che sulla salute e qualità della vita, già messe a dura prova per ventidue anni, dei cittadini non si scherza.
E questo aumenta tutta la nostra preoccupazione per la sottostima e la sottovalutazione che chi ha acquistato sta facendo sulla pericolosità dell’area dove metterà mani e ruspe.
Così come la messa in sicurezza di una linea di costa, in gran parte interrata abusivamente per anni con migliaia di tonnellate di fanghi tossici, che smuoverli significa inquinare irrimediabilmente acque, flora e fauna ittica di tutto il nostro Golfo fino a Sistiana.
Quella polvere non è appunto sabbia marina ricca tuttalpiù di iodio ma è pregna di tutta una gamma di cancerogeni, e sollevarla ora oppure nei lavori di demolizione degli edifici ed impianti o nella costruzione dei nuovi servizi logistico-ferroviari un domani, visto che non c’è centimetro di terreno che non sia inquinato totalmente in superficie ed in profondità, è cosa perigliosa, delicata quanto costosa assai.
Ed affidarsi ad organi di controllo con un palmares come Regione ed Arpa significa prendere per i fondelli decine e decine di migliaia di concittadini e muggesani.
Lo sappiano fin d’ora e, come dice il proverbio: uomo avvisato mezzo fregato.
TRIESTE VERDE !



Trieste. Destra o Sinistra?

» Inviato da valmaura il 27 November, 2020 alle 12:25 pm

Siamo in campagna elettorale per il rinnovo di sindaci e consigli comunali di Trieste e Muggia, previsti per la prima decade di maggio 2021, ovvero lo siamo da tempo che oramai tutte le mosse degli attuali amministratori e delle forze di “opposizione”, quando e dove esistono, sono improntate a raccoglier voti.
Voti che saranno sempre di meno, visto che il trend dei partecipanti alle elezioni amministrative da queste parti è stabilmente sotto la metà degli elettori.
Ed allora noi ci chiediamo e non da oggi, se viste le competenze che per legge spettano ai comuni, la soluzione dei tanti problemi con cui la nostra comunità deve confrontarsi ogni giorno, aggravati esponenzialmente dall’emergenza sanitaria, abbia una matrice ideologica od invece non necessiti di competenza, conoscenza, concretezza e partecipazione
Detto in soldoni: offrire una sanità pubblica efficace, ospedaliera, territoriale e di base, è una scelta di sinistra o di destra? O piuttosto è una necessità per tutti noi.
Combattere la povertà crescente in tante famiglie triestine e muggesane, vedere questa battaglia per il benessere comune come una priorità a cui destinare tutte le energie finanziarie disponibili, è di destra o di sinistra?
Tutelare e salvaguardare l’ambiente ed il territorio dove viviamo, per rallentare lo stravolgimento climatico in atto anche qui, è di sinistra o di destra?
Risanare non solo urbanisticamente i quartieri dove vive la stragrande maggioranza dei nostri concittadini, e recuperare le sterminate proprietà pubbliche lasciate in degrado totale per utilizzarle a beneficio dei residenti, è di destra o di sinistra?
Dare una casa a chi ne ha bisogno, sicurezza per un lavoro dignitoso, e adeguata valorizzazione alle prospettive di rilancio di una Città-Porto, utilizzando fino in fondo tutte le opportunità offerte dalla portualità “franca” confermata e sancita dai trattati internazionali, è di sinistra o di destra?
Invertire il malvezzo delle “esternalizzazioni” dei servizi pubblici, riponendo in carico alle pubbliche amministrazioni la gestione diretta del personale, oggi spesso sottopagato, “sfruttato” e dequalificato, è di destra o di sinistra?
Fare della cultura, ma di quella viva che parta dagli interessi e dalle curiosità dei cittadini, una pratica diffusa nei quartieri dove la gente vive, e non riservata ai “grandi eventi” od ai santuari elitari della tradizione accademica , è di sinistra o di destra?
E il confronto, per chi legge le nostre pagine e conosce la storia quarantennale del Circolo Miani potrebbe continuare assai.
Per questo, e solo per questo che riteniamo che questa politica che decide così male della e sulla nostra vita debba essere messa da parte il più rapidamente possibile.
Per questo è stata pensata Trieste Verde, e per questo che vi chiediamo di partecipare a questo investimento, a questa assicurazione sul nostro futuro.
Teodor.
 




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 January, 2021 - 8:10 pm - Visitatori Totali Nr.