Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

Registrati • Password Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 10

Renzo Tondo: no grazie si goda la lauta pensione da politico.

» Inviato da valmaura il 8 September, 2022 alle 12:08 pm

Raddoppio centrale nucleare e rigassificatore a Trieste.
“Siamo sicuri che i due progetti cui ho fatto riferimento - rigassificatore in mare e ampliamento della centrale di Krsko - siano semplicemente occasioni perse? Non si puς pensare di recuperare il terreno? Nel caso, mi piacerebbe dare una mano. Ho scelto di togliermi dalle istituzioni per dare spazio ai giovani.”
Ecco rimanga dov'θ: per cinque anni θ stato il deputato di Trieste, non della sua Carnia, riuscendo a scomparire per un quinquennio. Prosegua dunque su questa saggia via lei che puς godersi pensioni dal suo quarantennale sedere sugli scranni della politica: dal Comune alla Regione e al Parlamento, da far impallidire i comuni mortali, che gliele pagano perς.



Una rapina in guanti bianchi.

» Inviato da valmaura il 7 September, 2022 alle 12:18 pm

Questo scrivevamo il 30 settembre 2020 ed ora cosa ci aspetta?
 
Bollette Acqua, Luce e Gas.
Altro che “libero mercato” sembra il cartello dei nuovi “narcos”, ma legalizzato.
Diciamolo subito che rispetto al consumo reale gli utenti, cioθ noi, finiscono con il pagare quasi tre volte tanto. E l’acqua poi θ un bene comune, cioθ pubblico e di cui noi terrestri siamo tutti proprietari.
Le bollette, o fatture, poi sono incomprensibili e nascondono sotto varie voci, la piω usata θ “oneri, o spese, di sistema”, le fregature.
Prima di sviscerarne alcune merita commentare l’odierno annunciato aumento in doppia cifra per la fornitura di energia elettrica e gas a partire dal primo ottobre, cioθ domani.
Lo motivano, udite udite, con l’aumento dei consumi determinato dalla fine della clausura da Covid-19.
E questo sarebbe il “libero mercato”? Il prezzo del petrolio θ in costante calo (θ la materia prima a cui si sintonizza l’andamento del prezzo energetico) e l’aumento delle vendite, come da loro annunciato, solo in un mercato italiota e drogato porta ad un aumento invece che ad una riduzione dei costi e delle tariffe (piω vendo e piω guadagno ergo ho tutto l’interesse a tenere i prezzi bassi per incentivare proprio il guadagno).
Ma torniamo a noi. Partiamo dall’acqua dove non c’θ questa finta concorrenza ma il monopolio di Acegas-Aps Gruppo Hera, la fu municipalizzata. Qui non si paga il consumo, l’acqua lo ripetiamo θ di tutti, ma solo le spese di trasporto e smaltimento piω accise e tasse.
Trieste θ la cittΰ in Regione, e tra le prime cinque in Italia, con le bollette piω care. E si che gli impianti, di raccolta, convogliamento e smaltimento sono stati tutti costruiti dal Comune di Trieste, ergo pagati con i soldi nostri, e dunque ne deriverebbe che le tariffe richieste agli utenti per l’ordinaria manutenzione dovrebbero essere bassissime.
Poi per anni e anni le tubature perdevano oltre il 40% del trasportato per mancati interventi di riparazione, ma nessun problema tanto pagavamo noi. Infatti la voce piω inaccettabile che ci viene fatta pesare θ il rimborso delle perdite, e vale pure per energia elettrica e gas, “per strada”, ovvero PRIMA del nostro contatore. Ergo noi garantiamo ai nostri fornitori un indebito ma assicurato guadagno: insomma il tutto venduto, un parco clienti doppio quanto immaginario che frutta perς ai fornitori denaro reale.
Ovvio che a questo punto nessun di questi θ spinto a fare accurata manutenzione delle reti, anzi, tutto quello che perde per strada θ un guadagno garantito e pagato da noi in bolletta. Oltre che un danno all'ambiente.
Un furto, un pizzo, una tangente o chiamatela come vi pare, ma risparmiateci almeno il “libero mercato”.
Poi ci sono altre voci incomprensibili, e questo vale per tutte e tre le forniture, quanto ingiustificate: a partire dal canone di nolo del contatore che rimane perennemente di proprietΰ dei fornitori.
In sostanza ti fanno pagare vita natural durante e ben oltre il costo dell’apparecchio, scelto ed imposto da loro, lo strumento del loro guadagno. Un po’ come al bar ti facessero pagare per il caffθ una percentuale dei costi per l’acquisto della cassa che emette gli scontrini.
Poi le famose accise e tasse.
Il caso piω eclatante θ quello di una fornitura di gas per meno di un metro cubo all’anno: il costo sarebbe pari a meno di un euro ma all’anno. L’utente perς si trova a pagare oltre 100 euro annuali divisi su sei bollette solo di spese fisse, accise, perdite di sistema e tasse.
OK il prezzo θ giusto!
Voi questo sistema come lo chiamate?



Ater, muoviamoci! La nostra “campagna elettorale”.

» Inviato da valmaura il 7 September, 2022 alle 12:16 pm

Continua il degrado nel grande complesso di Valmaura, giustamente detto il “Serpentone” con la subvariante di “Vallo Atlantico”.
Mesi fa abbiamo ospitato i vertici operativi per un incontro al Circolo Miani, appunto in via Valmaura, ed abbiamo illustrato al direttore Korenika ed al responsabile manutenzioni, Capovilla, un pacchetto di proposte da attivare subito per “ridurre il danno” alle quasi 1500 persone mandate dagli anni Ottanta a vivere in questo disumanizzante complesso a base di cemento armato.
Si erano impegnati ad accoglierle. Le ricordiamo di seguito anche se siamo perfettamente consapevoli che l'unica vera soluzione consista nel trasferire le 430 famiglie in piω civili abitazioni, e questo vale ovviamente anche per i “Puffi” di via Grego, da recuperare tra i quasi 16mila appartamenti e case sfitte, in parte di proprietΰ di enti pubblici, esistenti a Trieste, e radere al suolo simili alienanti complessi.
La scaletta delle nostre proposte θ presto detta: intensificare a scadenza per lo meno settimanale le pulizie delle aree comuni e dei garage e la rimozione dei rifiuti, anche ingombranti, abbandonati.
Intervenire sui supermercati adiacenti perchθ vengano a riprendersi le decine di carrelli della spesa qui lasciati sistematicamente.
Posizionare contenitori per la raccolta dei rifiuti nelle parti comuni.
Rifare le plafoniere dei campanelli, a nuovo gli impianti citofonici, e sostituire totalmente le cassette delle lettere nei portoni.
Mettere mano alle are verdi ed ai campi giochi con diffuse piantumazioni di alberi e sempre verdi, ripristinare le fontanelle e le attrezzature dei giochi per bambini.
Dipingere con murales rilassanti tutte le aree interne pedonali che portano ai portoni e dotarle di adeguata illuminazione.
Inaugurare nelle stesse dei mercatini settimanali: dagli alimenti a chilometro zero ad abbigliamento e piccolo artigianato.
Destinare un numero fisso con operatore unico per rispondere tempestivamente alle chiamate per pronti interventi su impianti e guasti.
Progettare il recupero come spazi sociali delle due vaste strutture coperte presenti nel complesso: l'Auditorium da centinaia di posti con ampia antisala (chiuso e murato dall'anno duemila) e l'enorme spazio coperto sottostante al secondo campo giochi con area verde antistante.
I funzionari Ater hanno convenuto sull'opportunitΰ di avviare questo percorso e si sono impegnati a farci pervenire una proposta di primi interventi tra quelli da noi suggeriti e dell'opportunitΰ di incontrare le famiglie residenti: a questo fine abbiamo messo a disposizione la sede del Circolo.
Questo l'ultimo aggiornamento fotografico odierno.



Ferriera: ocio de sotto!

» Inviato da valmaura il 5 September, 2022 alle 12:57 pm

Ci pare che la prendano alla leggera, anzi operino con totale noncuranza ed ignoranza di quanto tocchino.
Lo stesso, peggiorato per mille, θ l'atteggiamento di chi le cose dovrebbe conoscerle e prevenirle: ci riferiamo ad Arpa, Regione e Capitaneria.
Ora, oltre al proseguire le movimentazioni con picchi di inquinamento acustico piω che notevoli e che interrompono sonno e riposo di chi vive tra Muggia e Servola, oltre a sollevare nuvoloni di polveri inquinati, imbrattanti ed accendiamo un cero alla Madonna speriamo non radioattive, hanno piazzato decine di migliaia di tonnellate di rinfuse lungo la linea di costa.
In particolare dove una volta c'era un pontile ad “U” della vecchia banchina Ferriera, interrato poi abusivamente si intende com'era prassi tanto nessuno controllava, con i fanghi e gli scarti di lavorazione soprattutto d'altoforno (loppa, catrame, idrocarburi a iosa, ecc).
Anni addietro la proprietΰ Lucchini sulla via del fallimento con i libri in Tribunale (di Brescia) aveva fatto fare delle ispezioni da due ditte con sommozzatori specializzati sui fondali prospicienti la banchina che, per chi non lo sapesse, poggia su pali che sostengono un cordolo in cemento.
Il verdetto era stato piω infausto che mai: i pali oramai divergevano obliquamente, il cordolo si era fessurato, e gli stessi pali scivolano alla base su di un fondale composto da fanghi tossici. Ergo occorreva mettere il tutto prontamente in sicurezza con milioni, in euro, di lavori che la fallenda Lucchini non era in grado di sostenere e dunque non fece.
Arrivarono da Udine pure i NOE dei Carabinieri e sequestrarono l'area che giΰ allora era stata trasformata in discarica con cumuli di migliaia di tonnellate di carbone e rottami ferrosi depositati proprio lμ sopra.
Dunque θ in corso da decenni un lento scivolamento a mare della linea di costa lato banchina, dove ora scaricano e depositano i nuovi cumuli, voglia Iddio che da Skopje o su di lμ non arrivi una scossetta di terremoto a dare il colpo di grazia e che il tutto, gru comprese, non scivoli nel Vallone di Muggia.
Ma i controllori dς stanno?



Interpellanza. Al Sindaco di Muggia.

» Inviato da valmaura il 5 September, 2022 alle 12:55 pm

Oggetto: ripristino e cura monumento ad Alma Vivoda
 
Considerato che il monumento con la lapide dedicato alla partigiana Alma Vivoda θ stato oggetto nuovamente di un atto vandalico di matrice neofascista.
Considerato che il monumento in questione θ posto nel Comune di Trieste, localitΰ Ferdinandeo nel luogo dove Alma Vivoda cadde sotto il fuoco della polizia fascista, divenendo una delle prime donne morte nella Resistenza.
Posto che Alma Vivoda era muggesana, nata a Chiampore il 23 gennaio 1911.
Tutto ciς premesso si interpella il Sindaco per sapere se l'amministrazione di Muggia intende assumersi l'onore e l'onere di curare la manutenzione, ed il ripristino, del monumento in questione al di lΰ delle formali spettanze del Comune di Trieste al quale va comunque richiesto l'immediato installo di un adeguato sistema di videosorveglianza.
Trieste, 5 settembre 2022
Maurizio Fogar, consigliere Lista civica Muggia.




« Precedente • Pagina 1 • Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12 • Pagina 13 • Pagina 14 • Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17 • Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20 • Pagina 21 • Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27 • Pagina 28 • Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31 • Pagina 32 • Pagina 33 • Pagina 34 • Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37 • Pagina 38 • Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42 • Pagina 43 • Pagina 44 • Pagina 45 • Pagina 46 • Pagina 47 • Pagina 48 • Pagina 49 • Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57 • Pagina 58 • Pagina 59 • Pagina 60 • Pagina 61 • Pagina 62 • Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65 • Pagina 66 • Pagina 67 • Pagina 68 • Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73 • Pagina 74 • Pagina 75 • Pagina 76 • Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81 • Pagina 82 • Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86 • Pagina 87 • Pagina 88 • Pagina 89 • Pagina 90 • Pagina 91 • Pagina 92 • Pagina 93 • Pagina 94 • Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97 • Pagina 98 • Pagina 99 • Pagina 100 • Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103 • Pagina 104 • Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107 • Pagina 108 • Pagina 109 • Pagina 110 • Pagina 111 • Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114 • Pagina 115 • Pagina 116 • Pagina 117 • Pagina 118 • Pagina 119 • Pagina 120 • Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123 • Pagina 124 • Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127 • Pagina 128 • Pagina 129 • Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133 • Pagina 134 • Pagina 135 • Pagina 136 • Pagina 137 • Pagina 138 • Pagina 139 • Pagina 140 • Pagina 141 • Pagina 142 • Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145 • Pagina 146 • Pagina 147 • Pagina 148 • Pagina 149 • Pagina 150 • Pagina 151 • Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155 • Pagina 156 • Pagina 157 • Pagina 158 • Pagina 159 • Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162 • Pagina 163 • Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166 • Pagina 167 • Pagina 168 • Pagina 169 • Pagina 170 • Pagina 171 • Pagina 172 • Pagina 173 • Pagina 174 • Pagina 175 • Pagina 176 • Pagina 177 • Pagina 178 • Pagina 179 • Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184 • Pagina 185 • Pagina 186 • Pagina 187 • Pagina 188 • Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191 • Pagina 192 • Pagina 193 • Pagina 194 • Pagina 195 • Pagina 196 • Pagina 197 • Pagina 198 • Pagina 199 • Pagina 200 • Pagina 201 • Pagina 202 • Pagina 203 • Pagina 204 • Pagina 205 • Pagina 206 • Pagina 207 • Pagina 208 • Pagina 209 • Pagina 210 • Pagina 211 • Pagina 212 • Pagina 213 • Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216 • Pagina 217 • Pagina 218 • Pagina 219 • Pagina 220 • Pagina 221 • Pagina 222 • Pagina 223 • Pagina 224 • Pagina 225 • Pagina 226 • Pagina 227 • Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230 • Pagina 231 • Pagina 232 • Pagina 233 • Pagina 234 • Pagina 235 • Pagina 236 • Pagina 237 • Pagina 238 • Pagina 239 • Pagina 240 • Pagina 241 • Pagina 242 • Pagina 243 • Pagina 244 • Pagina 245 • Pagina 246 • Pagina 247 • Pagina 248 • Pagina 249 • Pagina 250 • Pagina 251 • Pagina 252 • Pagina 253 • Pagina 254 • Pagina 255 • Pagina 256 • Pagina 257 • Pagina 258 • Pagina 259 • Pagina 260 • Pagina 261 • Pagina 262 • Pagina 263 • Pagina 264 • Pagina 265 • Pagina 266 • Pagina 267 • Pagina 268 • Pagina 269 • Pagina 270 • Pagina 271 • Pagina 272 • Pagina 273 • Pagina 274 • Pagina 275 • Pagina 276 • Pagina 277 • Pagina 278 • Pagina 279 • Pagina 280 • Pagina 281 • Pagina 282 • Pagina 283 • Pagina 284 • Pagina 285 • Pagina 286 • Pagina 287 • Pagina 288 • Pagina 289 • Pagina 290 • Pagina 291 • Pagina 292 • Pagina 293 • Pagina 294 • Pagina 295 • Pagina 296 • Pagina 297 • Pagina 298 • Pagina 299 • Pagina 300 • Pagina 301 • Pagina 302 • Pagina 303 • Pagina 304 • Pagina 305 • Pagina 306 • Pagina 307 • Pagina 308 • Pagina 309 • Pagina 310 • Pagina 311 • Pagina 312 • Pagina 313 • Pagina 314 • Pagina 315 • Pagina 316 • Pagina 317 • Pagina 318 • Pagina 319 • Pagina 320 • Pagina 321 • Pagina 322 • Pagina 323 • Pagina 324 • Pagina 325 • Pagina 326 • Pagina 327 • Pagina 328 • Pagina 329 • Pagina 330 • Pagina 331 • Pagina 332 • Pagina 333 • Pagina 334 • Pagina 335 • Pagina 336 • Pagina 337 • Pagina 338 • Pagina 339 • Pagina 340 • Pagina 341 • Pagina 342 • Pagina 343 • Pagina 344 • Pagina 345 • Pagina 346 • Pagina 347 • Pagina 348 • Pagina 349 • Pagina 350 • Pagina 351 • Pagina 352 • Pagina 353 • Pagina 354 • Pagina 355 • Pagina 356 • Pagina 357 • Pagina 358 • Pagina 359 • Pagina 360 • Pagina 361 • Pagina 362 • Pagina 363 • Pagina 364 • Pagina 365 • Pagina 366 • Pagina 367 • Pagina 368 • Pagina 369 • Pagina 370 • Pagina 371 • Pagina 372 • Pagina 373 • Pagina 374 • Pagina 375 • Pagina 376 • Pagina 377 • Pagina 378 • Pagina 379 • Pagina 380 • Pagina 381 • Pagina 382 • Pagina 383 • Pagina 384 • Pagina 385 • Pagina 386 • Pagina 387 • Pagina 388 • Pagina 389 • Pagina 390 • Pagina 391 • Pagina 392 • Pagina 393 • Pagina 394 • Pagina 395 • Pagina 396 • Pagina 397 • Pagina 398 • Pagina 399 • Pagina 400 • Pagina 401 • Pagina 402 • Pagina 403 • Pagina 404 • Pagina 405 • Pagina 406 • Pagina 407 • Pagina 408 • Pagina 409 • Pagina 410 • Pagina 411 • Pagina 412 • Pagina 413 • Pagina 414 • Pagina 415 • Pagina 416 • Pagina 417 • Pagina 418 • Pagina 419 • Pagina 420 • Pagina 421 • Pagina 422 • Pagina 423 • Pagina 424 • Pagina 425 • Pagina 426 • Pagina 427 • Pagina 428 • Pagina 429 • Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 February, 2024 - 6:56 pm - Visitatori Totali Nr.